Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Pipistrelli: cosa sono, perché sono importati e qualche curiosità

Ai tempi del Corona virus per molti è necessario trovare un capro espiatorio a cui dare la colpa dei mali peggiori. Molti hanno sostenuto la necessità di uccidere tutti i mammiferi che sono stati ritenuti “colpevoli” di aver trasmesso il virus: i pipistrelli. 

Ma sapete realmente cosa sono e perché sono importanti?

Avevamo già visto nell’articolo Animali e Coronavirus hanno qualcosa in comune? che coloro che devono essere ritenuti i veri colpevoli siamo noi uomini che abbiamo sovra sfruttato la natura che ci circonda. 

Ma scopriamo perché questi animali, spesso ritenuti inutili, sono fondamentali nel nostro ecosistema, così come lo sono le api!

pipistrelli

CARATTERISTICHE GENERALI

Quello dei pipistrelli è il secondo gruppo di mammiferi più numeroso. Un quinto di tutti i mammiferi terrestri viventi fa parte dell'ordine dei Chiroptera (un termine di origine greca che significa "mano alata"). Per numerosità, sono inferiori solo ai roditori, e sono distribuiti in tutti continenti, tranne in Antartide. Un tempo si trovavano anche lì: 42 milioni di anni fa i pipistrelli si diffusero dalle Americhe all'Australia, passando per il continente ghiacciato, che all'epoca aveva un clima temperato.


I pipistrelli vivono oltre 40 anni; dormono spesso a testa in giù senza fare nessuna fatica, perché i loro piedi sono costruiti per resistere in quella posizione; superano i periodi di scarsità di cibo cadendo in un letargo profondo, col cuore e il respiro rallentati da lasciare a bocca aperta e la temperatura corporea che precipita ai livelli di quella dell’ambiente circostante; si orientano nel buio pesto grazie a un sofisticato biosonar, ossia emettendo raffiche di ultrasuoni coi quali riescono anche a identificare prede piccole quanto una zanzara e a distinguerle da altri insetti. Inoltre, sono resistentissimi alle malattie (dovremmo studiare il loro sistema immunitario!).

Essendo così resistente alle malattie, il pipistrello fa spesso da animale serbatoio, ospitando un virus inizialmente non pericoloso per l’uomo che è poi probabilmente passato ad altre specie (si ritiene nel pangolino, ma siamo ancora ai primi studi) e infine all’uomo. Solo attraverso questo articolato percorso il virus ha potuto cambiare la sua struttura diventando un pericolo per l’uomo. Come già abbiamo visto, queste trasformazioni sono tipicamente il risultato del nostro pessimo rapporto con la natura: questi virus, infatti, si sviluppano nei mercati insalubri nei quali pipistrelli, pangolini, serpenti sono macellati senza alcuna precauzione. 


Perché sono così importanti?

NON NE POSSIAMO FARE A MENO

I pipistrelli svolgono un servizio fondamentale per l'agricoltura e la sostenibilità alimentare mondiale. Sono responsabili dell'impollinazione di circa 300 piante da frutto e sono ottimi dispersori di semi: ghiotti di frutti, ne disperdono poi i semi, anche a grande distanza da dove hanno mangiato. Senza contare il loro primato indiscusso di pesticidi naturali: si stima che ciascuno di questi animali ingoi circa 2000 insetti per notte (molti dei quali, per nostra fortuna, sono zanzare).


LA FAMIGLIA DEI PIPISTRELLI

I pipistrelli si aiutano tra loro, non solo in famiglia (una madre che sacrifica la cena per il figlio non è una rarità), ma anche al di fuori: se un vampiro denutrito è inserito in una gabbia piena di esemplari ben pasciuti, almeno uno di loro andrà dall'animale in difficoltà e condividerà con lui un po' di sangue.

Questi legami non sono occasionali, ma possono durare anni, e si basano anche sulla reciprocità: l'animale con cibo extra da condividere lo fa volentieri anche perché sa che, se si trovasse a sua volta a soffrire la fame, l'amico ricambierebbe il favore. 


QUALCHE CURIOSITÀ

  • Sanno gestire gli ingorghi: quando cacciano in gruppo e in contesti affollati, i pipistrelli dalla coda libera messicani (tadarida brasiliensispossono sopprimere i propri richiami per evitare che l'eco dei suoni emessi si confonda con quello dei compagni. L'indole sociale li spinge ad utilizzare il buon senso.
  • Perché si schiantano sui vetri?  Per il sonar dei pipistrelli, le superfici lisce verticali come quelle delle finestre sono praticamente invisibili. il "blackout" è dovuto a una proprietà acustica di queste superfici, che riflettono le onde sonore emesse dai chirotteri lontano dall'animale e sono quindi scambiate per spazi liberi da attraversare. Anche le superfici lisce orizzontali li mandano in confusione: studi passati hanno dimostrato che i chirotteri le interpretano come "acqua", che provano a bere.
  • Non è vero che si attaccano ai capelli: il volo basso dei pipistrelli può dare l'impressione che siano diretti proprio verso la nostra testa, ma non è così. Alcuni storici legano la nascita della leggenda alle antiche raccomandazioni fatte alle donne cristiane di coprirsi i lunghi capelli, perché potevano attrarre il demonio (i pipistrelli avevano già allora una pessima fama)
  • Il loro sistema immunitario rimane "acceso" 24 ore su 24: anche se provvisti di un numero di interferoni (le proteine prodotte dalle cellule per difendersi dai virus) molto inferiore a quello umano, i pipistrelli hanno difese immunitarie costantemente attive, anche quando non sembrano esserci minacce in corso, al contrario delle difese umane, che si attivano apposta non appena individuano un "attacco". Si pensa che questa caratteristica permetta ai pipistrelli di controllare le infezioni virali di cui sono vettori senza essere infettati a loro volta.
  • Le loro ali: un prodigio ingegneristico: oltre a un sistema di oltre 40 articolazioni che consentono alle ali movimenti indipendenti in ogni direzione, e a una membrana che moltiplica a ogni battito la forza propulsiva, i pipistrelli possono contare su una sottilissima rete di muscoli disposti nella pelle delle ali che consentono di compiere movimenti raffinati e precisi. 

Eravate a conoscenza di queste qualità dei pipistrelli? Pensate, come molti, che sterminarli sia la soluzione ai problemi epidemiologici? Diteci cosa ne pensate nei commenti!


Ilaria Pietroniro


Fonti:

https://www.repubblica.it/dossier/ambiente/biodiversita/2020/03/26/news/perche_non_avere_paura_dei_pipistrelli-252393059/

https://www.focus.it/ambiente/animali/per-i-vampiri-lamicizia-e-per-sempre

https://www.focus.it/ambiente/animali/10-cose-che-forse-ancora-non-sai-sui-pipistrelli?gimg=0#img0

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati