Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

La raccolta differenziata nel mondo: la Svizzera, precisini ma non troppo

Dall’isola autonoma di Hong Kong, centro finanziario e commerciale del Sudest asiatico, torniamo questa settimana in territorio neutro: naturalmente, si parla di Svizzera

Un tranquillo Paese alpino dell’Europa centrale noto per i paesaggi mozzafiato, la natura incontaminata, il suo “segreto bancario” e, last but not least, l’ordine e la precisione che la caratterizzano a 360°. 

Ordine e precisione, in termini di rifiuti, si traducono in alte percentuali di raccolta differenziata e riciclo. Ma qui, non c’è nessun segreto: il governo ha realizzato regole ben definite che, come da buona norma, tutti i cittadini sono tenuti a rispettare. E gli svizzeri si impegnano al massimo, con scrupolosità e riguardo, onde evitare di incorrere in multe alquanto “salate”.

“Diventa un precisino”: il motto efficace e divertente made in Switzerland

I precisini salvano il mondo! Lo fanno separando, raccogliendo e restituendo, e ogni giorno se ne aggiungono nuovi. 

Così recita la campagna pubblicitaria firmata Swiss Recycling, l’organizzazione no-profit autonoma che si occupa del mondo del riciclaggio sul territorio svizzero, promuovendo un sistema che, come vi abbiamo già accennato, si basa sul principio del “chi sbaglia paga”. Il sito internet si configura come una piattaforma di supporto, informazione e interazione a cui tutti i cittadini possono rivolgersi per svolgere al meglio la raccolta differenziata. In particolare, una sezione che merita una visita è proprio quella dedicata all’universo dei “precisini”.

raccolta differenziata nel mondo

Qui convergono idee e iniziative molto interessanti, tra cui la campagna social che invita gli utenti a “dichiararsi”, condividendo con una foto e un messaggio il loro impegno. Spiccano poi il Test per precisini, quiz volto a rivelare che tipo di precisino sei, il Mercato dei riciclati, il più grande spazio di vendita di prodotti riciclati in tutta Svizzera, dove si possono trovare biciclette, mobili, vestiti, accessori e molto altro ancora. Dal punto di vista pratico, il sito internet dispone anche di una mappa del riciclo, scaricabile anche in versione App, dove trovare con pochi click il punto di raccolta più vicino.

Un’idea carina e funzionale che contribuisce a rendere la raccolta differenziata ancor più semplice, rimanendo al passo con i tempi. 

Uno sguardo più da vicino

Seppure la Confederazione svizzera si classifichi tra i Paesi con i più alti tassi di raccolta differenziata, raggiungendo nel 2017 quasi il 50% del riciclo degli scarti sia urbani che industriali e posizionandosi poco sotto al Galles, ciò non significa che sia una Santa. Infatti, la nostra “vicina di casa” sembra essere l’incarnazione del consumismo, con una quantità di rifiuti estremamente sproporzionata rispetto al numero di abitanti: si stima che ogni anno 8.5 milioni di persone producano circa 700 kg di rifiuti pro capite. Il che è assurdo se si pensa che gli USA, i maggiori produttori di rifiuti al mondo, con una popolazione pari a 329.5 milioni di abitanti, raggiungono i 773 kg pro capite all’anno.

Purtroppo, come vi abbiamo detto più volte, essere responsabili e rispettosi dell’ambiente non prevede compromessi. Fare bene la raccolta differenziata non autorizza a produrre ancora più rifiuti, ma il contrario. Se la Svizzera fosse altrettanto ligia al dovere nelle scelte morali (per cui, purtroppo, non esistono multe o sanzioni), la percentuale di rifiuti avviati al riciclo sarebbe ben più consistente di quanto non sia ora. 

E non si tratta di utopia, bensì di una necessità. Perciò, noi di Warm Burrow sosteniamo che il governo svizzero debba insegnare ai suoi cittadini a non “predicare bene e razzolare male”, creando una consapevolezza condivisa e attuando delle politiche che si pongano in linea con l’obiettivo di realizzare un’economia circolare, orientata al zero waste.


di Alice Nardiotti


Fonti e immagini:

https://www.diventa-precisino.ch/it

https://www.swissinfo.ch/ita/societ%C3%A0-dei-consumi_come-la-svizzera-gestisce-i-suoi-rifiuti/41802266

http://www.swissrecycling.ch/it/

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati