Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

La raccolta differenziata: cosa buttare nella carta?

Se fate parte di quelli che prima di buttar via un rifiuto si fermano a pensare se lo stanno facendo nel modo corretto, allora significa che siete sulla pagina giusta! Settimana scorsa ci siamo occupati di sfatare miti e leggende che aleggiano intorno al riciclo della carta, mentre oggi, come vi avevamo accennato, entreremo nel vivo della questione e vi daremo qualche dritta su come fare la raccolta differenziata della carta e del cartone nel modo giusto.


Le 3 C: carta, cartone e cartoncino

Come sempre quando di sta per gettare un rifiuto, la prima cosa da fare è chiedersi se si tratta o meno di un imballaggio. E indovinate? Se la risposta è no, andrà conferito al bidone del secco, in caso contrario andrà probabilmente conferito alla raccolta della carta. Ma fate sempre attenzione, perché per essere avviato al riciclo, l’imballaggio in questione dovrà per forza corrispondere a una delle 3 C: carta, cartone o cartoncino. Questi tre materiali, che si distinguono essenzialmente per spessore e grammatura, sono accomunati dall’essere tutti prodotti in cellulosa, una fibra naturale che può essere riutilizzata fino a un massimo di sette volte. Tutti gli altri materiali, non essendo cellulosici, non possono essere destinati al riciclo.


Imballaggi (e non solo) di carta 

Non vi viene in mente nulla oltre ai contenitori di frutta, verdura e biscotti? Tranquilli, ci abbiamo pensato noi di Warm Burrow a fornirvi una lista di imballaggi di carta che possono e devono essere riciclati:


  • iniziamo subito con oggetti che difficilmente possono essere considerati imballaggi, ma che possono comunque essere riciclati. Si tratta di giornali, riviste, libri, fumetti, quaderni, opuscoli e fogli in generale;
  • sacchetti di ogni tipo e dimensione, anche quelli per gli alimenti (ma ricordatevi di rimuovere la carta oleata dei salumi! Poi vi spiegheremo il perché);
  • scatole e scatoline, confezioni piccole e grandi (dalle scatole per le scarpe, a quelle dei medicinali o del dentifricio);
  • cartone ondulato (usato per scatole di dimensioni più grosse o semplicemente per confezioni più rigide);
  • cartoni per bevande (non dimenticatevi di svuotarli ed appiattirli prima, oltre a controllare, come vi avevamo raccontato qualche articolo fa, le normative del vostro Comune!).

I grandi punti di domanda

Anche la carta, insieme ad altri rifiuti in materiali diversi, è causa di grandi dilemmi. Che la colpa sia della poca informazione, della nostra ingenuità o delle aziende che producono materiali sempre più indecifrabili, poco conta. L’importante è avere qualcuno come noi, pronto ad affrontarli e risolverli! Per questo abbiamo pensato di fare un elenco di quegli oggetti che ci lasciano sempre un po’ in dubbio:


  • il cartone delle uova, privo di scarti alimentari, deve essere buttato nella carta;
  • la coppetta del gelato, idem!;
  • il vassoio utilizzato per pizzette e pasticcini, una volta ripulito da ogni briciola, va gettato insieme a coppette e cartoni;
  • il cartone della pizza può essere conferito alla raccolta della carta solo se completamente pulito, come nel caso degli oggetti precedenti; 
  • il biglietto del treno, insieme a gratta e vinci e volantini pubblicitari, sono tra i più ingannevoli, ma in realtà vanno tutti nel bidone della carta.
biglietto del treno gelato uova

Tutto chiaro?

Il nostro “promemoria” vuole trasmettere un messaggio fondamentale, ovvero che ognuno deve sempre assicurarsi che l’imballaggio sia completamente privo di resti di cibo, onde evitare di rendere vano ogni sforzo e possibilità di riutilizzo. 


Naturalmente, non è finita qui! La prossima settimana vi racconteremo di quelli che ci piacciono chiamare i “falsi amici” della raccolta differenziata, rivolgendo però l’attenzione al caso specifico del riciclo della carta e del cartone.


Nel frattempo, se ti sei perso qualche passaggio e sei davvero interessato all’argomento, leggi anche:

“Dove butto gli scontrini: Carta o secco? Questo è il dilemma”

“Come leggere i simboli della raccolta differenziata?”



Alice Nardiotti



Fonti:

www.comieco.org

www.gestione-rifiuti.it



Immagini:

www.google.com/it 

www.pxhere.com/it 

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati