Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

La raccolta differenziata ai tempi del Coronavirus

Cari lettori, innanzitutto speriamo che voi e i vostri cari stiate tutti bene, che stiate rispettando le regole ministeriali, oltre a tutti coloro che a casa non ci possono stare perché in prima linea durante questa assurda situazione. 

Nessuno se lo sarebbe mai aspettato, ma alla fine avremmo dovuto prevederlo: nell’ultimo report “Pandemie: l’effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi”, il WWF ci ammonisce e ricorda che “esiste un legame strettissimo tra le malattie che stanno terrorizzando il Pianeta e le dimensioni epocali della perdita di natura”. Anche noi, se vi ricordate, vi avevamo parlato delle conseguenze che i cambiamenti climatici hanno sulla nostra salute, tra queste l’inquinamento come causa di infezioni polmonari e le alte temperature, perfette per la diffusione delle infezioni. Catastrofi casuali o conseguenza indiretta del nostro impatto sugli ecosistemi naturali? Pensiamoci, adesso che ne abbiamo il tempo e che il pericolo è così visibile.


Ripristiniamo gli equilibri

Oggi, nel bel mezzo di questa atroce emergenza sanitaria che sta piegando il capitalismo in ginocchia, è importante vedere le occasioni che questa pandemia ci sta, passatemi il termine, “offrendo”: riscoprire le piccole cose, il piacere di stare in famiglia, di cucinare, di riscoprire i propri passatempo e passioni, per cui normalmente non si ha mai tempo, fermarsi a pensare, ricordare, sorridere di ciò che di bello si ha nel cuore, della fortuna di poter stare a casa, della fortuna di avere una casa

Creiamoci una routine, dedichiamo il giusto tempo ai doveri, ma anche ai piaceri, al benessere e al benestare. Non rifugiamoci nella realtà virtuale, non limitiamoci ai social network. Possiamo fare molto di più: poniamoci dei piccoli obiettivi giornalieri e troviamo un giusto equilibrio per affrontare al meglio questa quarantena, sia fisicamente che mentalmente.

Anche se, dopo un po’, stare in casa diventa noioso. Ed ecco che magicamente tutto prende un valore diverso...


Fare la raccolta differenziata non è mai stato così bello

“Chi va a mettere fuori la spazzatura?” “Chi porta giù l’umido? E la plastica?”: ecco le domande che in questi giorni di reclusione totale non vediamo l’ora di sentire. Chi l’avrebbe mai detto che fare la raccolta differenziata potesse diventare il momento più atteso della giornata. Da mestiere infimo a mestiere dei sogni: per una boccata d’aria, questo ed altro! 

Al limite del paradosso, speriamo di strapparvi un sorriso, un po’ come ha fatto domenica sera Luciana Littizzetto a Che Tempo Che Fa, dove ha ironizzato dicendo che “prima in casa si litigava perché nessuno voleva andare, ora si litiga per l’umido”. 


E allora ecco che la mamma, zitta zitta, chiude tutti i sacchetti pronta per sgattaiolare fuori dalla porta, quasi in sordina, per non essere placata, intralciata, e vedere finalmente il cielo. Nonostante la delicatezza dei movimenti, all’improvviso compare papà sull’uscio con un: “Dove pensi di andare? Stasera tocca a me!”. Al girare lo sguardo, in posizione di attacco c’è ora la prole che, mettendosi nei panni di Ronaldo, Messi o Ibrahimovic, tenta di dribblare la madre e impossessarsi di quello che agli occhi di tutti appare come il Pallone d’oro del lockdown. 

E allora ci viene da pensare che, forse, sono un po’ più fortunati quelli che a casa ci stanno da soli: nessuno gli potrà strappare questa piccola grande gioia!



Succede lo stesso a casa vostra? Usate anche voi la scusa della raccolta differenziata per sgranchire le gambe e respirare un po’ aria fresca?


Raccontateci come trascorrete le vostre giornate, condividete le vostre riflessioni con noi, parliamo del clima, del nostro Pianeta, della realtà che stiamo vivendo. Scambiamoci informazioni, pareri e idee: se rimaniamo uniti, non potrà che andare bene.



di Alice Nardiotti


Fonti:

https://d24qi7hsckwe9l.cloudfront.net/downloads/biodiversita_e_pandemie_16marzo__1_.pdf?utm_source=web&utm_medium=CS&utm_campaign=CoronaVirus 

https://www.wwf.it/perdita_biodiversita.cfm

www.youtube.com



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati