Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Campo dei Fiori, Varese: la più bella notte in tenda della vostra vita

Prima di iniziare facciamo un patto...

L'anno scorso io e la mia ragazza circa alla metà di agosto siamo andati al "Campo dei Fiori" di Varese, un'area boschiva veramente immensa e sopratutto bella da visitare. 

Ci sei mai stato? 

L'intenzione era quella di trascorrere una notte in tenda nel rispetto più completo dell'ambiente e del luogo  (quindi in modo sostenibile) che stavamo per visitare e il più possibile a contatto con la natura.

In questo articolo voglio aiutarti a raggiungere lo stesso obbiettivo.

Per farlo ho preparato una guida pratica e concreta che ti spiegherà quali sono le 4 azioni fondamentali che un campeggiatore alle prime armi deve compiere per trascorrere una notte memorabile nel rispetto della natura.

Prima di scoprire di che si tratta, voglio fare un patto con te: 

Continua a leggere e ti farò innamorare di questo posto e in cambio della tua pazienza e di 5 minuti del tuo tempo, riceverai i miei preziosi consigli; parola di scout.

Sei pronto? cominciamo!

Quanto è bella la nostra Terra?

In principio era Varese

Il Parco è conosciuto per la quantità di campeggiatori che trascorrono la notte in tenda per gustarsi quel panorama mozzafiato che si osserva raramente.

Ci siamo quindi muniti di tenda e di un pranzo al sacco (veramente misero col senno di poi) e dopo essere arrivati al sentiero con i mezzi pubblici che fortunatamente sono comodi e puntuali, ci siamo incamminati verso "Punta di Mezzo" il punto più alto del parco dove avevamo deciso di campeggiare.
Quando siamo arrivati finalmente al sentiero erano ormai le 9 di sera e anche se un po' spaventati dall'assenza di illuminazione, abbiamo cominciato la nostra inifinita salita.

La scalata più emozionante della nostra vita

Scalavamo come degli stambecchi con la testa bassa, illuminavamo la strada con la misera torcia dell'unico cellulare cha avevamo a disposizione (perché l'altro era scarico) per capire dove fosse il sentiero e con la coda dell'occhio ci guardavamo per non perderci di vista.
Come se non bastasse alla quantità spropositata di un mix di ansia e paura si è aggiunta anche la sensazione di essere osservati, ma alla fine, dopo una lunghissima e sudatissima salita, abbiamo intravisto la meta.

Una gioia infinita

Non potete immaginare la gioia che mi ha assalito quando finalmente siamo arrivati in cima, esattamente la stessa sensazione che un bambino prova quando segna un gol per la prima volta in campionato con la sua squadra di calcio.
Piantata la tenda al terreno mi accorgo del meraviglioso posto in cui eravamo finiti; mi sono avvicinato alla fine dello spiazzo che permetteva di osservare l'intera città di Varese, il Lago Maggiore e terminava con il solo orizzonte.
Il senso di piccolezza e impotenza mi assaliva e mi chiedevo: come può la Terra essere così bella e così grande allo stesso tempo? Era magnifico, raramente si può osservare un paesaggio del genere.
L'intera città di Varese era nelle nostre mani, sentivo di aver conquistato il mondo. 
Le luci delle strade e delle case erano ancora accese e viste dall'alto formavano dei disegni, si spegnevano e ne formavano altri, a dimostrazione del fatto che quella città anche nel suo piccolo era viva e potevi vederla vivere.
Quando poi ho distolto lo sguardo dalla cittadella mi sono soffermato a guardare il cielo; una miriade di stelle pioveva sulla mia testa, sembrava di poterle toccare e in quel momento il senso di piccolezza è decuplicato.

La bellezza dell'universo

L'universo ci stava parlando e noi eravamo lì in silenzio ad ascoltare; non c'è cosa più bella di osservare l'immensità della natura e contemplarla stando in silenzio.
Ormai giunta l'ora di andare a letto ci siamo cambiati e abbiamo indossato i nostri bellissimi pigiama; l'aria era ghiacciata e il terreno era un pochino in pendenza; non eravamo proprio comodi ma dopo quello al quale avevamo appena assistito ci andava bene anche così.
Non appena ci siamo rintanati nei sacchi a pelo e dopo esserci scambiati la buonanotte abbiamo potuto assistere ad un altro spettacolo: il silenzio. 

Quante volte ti sei svegliato durante il sonno per il rumore intenso del traffico? 

Se hai un sonno leggero devi assolutamente provare la mia stessa esperienza; dormirai sogni tranquilli ed un giorno mi ringrazierai. L'unico suono che si poteva udire era il respiro della mia compagna e i piccoli insetti e animali che di notte prendono nuova vita. Se hai paura degli insetti basta chiudere la tenda, sicuramente in questo modo non ti daranno fastidio alcuno.

Il risveglio

La mattina, circa alle 6:30 ci siamo svegliati per poi metterci di nuovo in viaggio e tornare alle nostre dimore.
Apro la tenda e non potevo fare altro che contemplare ancora e ancora l'alba che toccava quel suolo. Il cielo si è dipinto di rosso, di arancione e di rosa; tutti molto tenui per accompagnarti nel risveglio.
L'aria era assolutamente più fresca e pulita di quella che ogni giorno viviamo in città, una benedizione per i nostri polmoni e per il nostro corpo che, anche se un po' stanco dalla camminata del giorno prima, si è ripreso in fretta carico di nuove energie per affrontare la giornata.
Questa era la vista delle 7:30 del mattino; vi lascio solo immaginare con che espressione guardassi l'orizzonte.
campo dei fiori varese

Veniamo al dunque

Oggi ormai a distanza di più di un anno rimpiango quei momenti di tranquillità, pace e serenità che solo una vista e un silenzio del genere può darti e nonostante la paura durante la grande scalata, lo rifarei altre 100 volte.
Proprio per questo motivo mi sento di consigliarlo anche a te che sei arrivato fino a questo punto della lettura.
Se cerchi un pò di pace nell'anima e un po' di respiro dalla vita frenetica che ogni giorno assale chiunque viva in una città o cittadina che sia, ti lascio qui la guida pratica all'interno della quale troverai le 4 azioni fondamentali che un campeggiatore inesperto deve compiere prima di partire che ti avevo promesso e che ti insegnerà a campeggiare sostenibilmente, nel rispetto del luogo che andrai a visitare.
Spero ti piaccia!
Ti sarei estremamente grato se poi vorrai lasciare un commento qui sotto per dirci la tua!
A presto,
Un abbraccio
Matteo

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati