Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

La biodiversità in Italia: un paese unico al mondo

L’Italia è tra i Paesi europei più ricchi di biodiversità, la sua fauna conta oltre 58 mila specie con numerose varietà “Made in Italy”. 





COSA CARATTERIZZA L’ITALIA?

La varietà di condizioni bio-geografiche, geo-morfologiche e climatiche che caratterizzano il territorio italiano la rendono una straordinaria area di concentrazione sia di specie, sia di habitat.

 In Italia sono stati identificati diversi punti “ad alta densità” di biodiversità (chiamati hot spot in termini scientifici), come quelli localizzati nelle isole tirreniche, nelle Alpi Marittime e Liguri.

L’Italia ospita circa la metà delle specie vegetali e circa un terzo di tutte le specie animali attualmente presenti in Europa. Alcuni gruppi, come alcune famiglie di Invertebrati, sono presenti in misura doppia o tripla, se non ancora maggiore, rispetto ad altri Paesi europei. 


QUALCHE NUMERO

  • Ci sono in Italia più di 9.000 specie di fauna marina e, data la sua posizione geografica è probabile che esse rappresentino la gran parte delle specie del Mediterraneo.

  • Per quanto riguarda la biodiversità del mondo vegetale, la flora italiana comprende quasi 7.000 specie, di cui il 16% sono specie endemiche (ossia tipiche del territorio). A livello quantitativo, il maggior numero di specie si trova nelle regioni caratterizzate da maggior variabilità ambientale e da quelle con territori più vasti: il Piemonte (3.304 specie), la Toscana (3.249), il Veneto (3.111), il Friuli-Venezia Giulia (3.094), il Lazio (3.041), l’Abruzzo (2.989)

  • L’Italia è anche particolarmente ricca di foreste. Il secondo inventario delle foreste nazionali, che il Corpo Forestale dello Stato ha realizzato nel 2005, ha calcolato che sul territorio italiano sono presenti 8.760.000 ettari di foreste, cui devono aggiungersi 1.710.000 ettari di formazioni forestali rade o basse, e le formazioni arbustive e cespugliate. In totale le foreste coprono circa un terzo del territorio nazionale. 


LE MINACCE


Questa ricchezza di biodiversità è però seriamente minacciata, e parti di essa rischiano di essere irrimediabilmente perduti.

Il quadro relativo ai livelli di minaccia delle specie animali e vegetali sul territorio nazionale è abbastanza preoccupante. Buona parte del nostro territorio, come quello di molti paesi industrializzati, è usato intensivamente. Alcuni fattori che contribuiscono allo sfruttamento del territorio italiano sono riconducibili al consumo del suolo per nuovi insediamenti civili e industriali e all’inquinamento del suolo e delle acque.  

Sono 1020, circa il 15% del totale, le specie vegetali che ora sono minacciate di estinzione.

Inoltre, anche il 40% di alghe, licheni, muschi, felci è in pericolo.  Per le specie animali, la metà dei vertebrati presenti in Italia è minacciata d’estinzione e circa un quarto degli uccelli sono a forte rischio. A stare peggio di tutti sono gli anfibi: due specie su tre sono minacciate.


UNA NUOVA COLLABORAZIONE

Dal 2017 è nata una nuova partnership tra Wwf e Arma dei Carabinieri per proteggere il nostro patrimonio. 

Questa nuova partnership per la tutela della natura permetterà ai cittadini di scoprire i tesori della natura italiana, come lupi, orsi, aquile, aironi, lontre, cervi e daini custoditi negli angoli più belli e suggestivi del nostro paese, dal nord al sud d’Italia. Il programma di visite gratuite è vastissimo. Vengono aperte al pubblico con eventi, giochi e animazioni oltre 100 Oasi WWF e 130 Riserve Naturali dello Stato, la cui gestione è affidata ai Carabinieri Forestali. 

Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia, ha dichiarato in merito:

“La natura d'Italia ha bisogno di politiche lungimiranti e coraggiose e sinergie di sistema come di un costante e
capillare impegno sul territorio. Il valore di questo importante accordo di collaborazione sta nella sintesi tra l'impegno attivo del mondo del volontariato e l'Arma dei Carabinieri che assume, con la nuova riforma della PA, un ruolo cruciale nella prevenzione degli illeciti e nella difesa della legalità in ambito ambientale. Il WWF, con la sua rete di attivisti e sostenitori, e con le sue Guardie volontarie, i "ranger della natura" da sempre sono impegnati nella difesa dell’ambiente e della fauna svolge da 50 anni il ruolo di difensore della legalità, in Italia e nel mondo, con le numerose campagne antibracconaggio in difesa delle specie più vulnerabili. Con questo protocollo ci auguriamo di rafforzare una collaborazione proficua che già, nei fatti, esiste da tempo”.


Per chiunque fosse interessato a leggere integralmente il rapporto del WWF in merito alla biodiversità italiana può cliccare sull'hyperlink: 


Siete interessati a scoprire altro in merito a tutto ciò che riguarda la biodiversità dell’Italia?

Avete qualche curiosità nello specifico?

Scrivetecela nei commenti e cercheremo di rispondere al meglio alle vostre domande!


Ilaria Pietroniro


Fonti:

http://www.isprambiente.gov.it/it/temi/biodiversita/le-domande-piu-frequenti-sulla-biodiversita/come-si-presenta-la-situazione-della-biodiversita-in-italia

https://corrierequotidiano.it/ambiente/italia-campione-di-biodiversita-un-paese-unico-al-mondo-per-specie-animali-e-vegetazione/

https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/biodiversita_in_italia

https://www.wwf.it/news/notizie/?28940



Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati