Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Cucina vegana: ecco i 10 ingredienti che non devono mai mancare

Oggi ti parleremo di 2 nozioni importanti che ti serviranno per vivere in modo sostenibile.

  1. Cucina sostenibile: cosa vuol dire?
  2. Cucina vegana: quali sono gli ingredienti base

Noi di Warm Burrow siamo i tuoi migliori alleati in questa sfida. Da sempre partecipiamo ai fridays for future e agli scioperi globali per il clima e  lottiamo in prima linea affinché, come dice Greta Thunberg, venga applicata la giustizia climatica. 

Il problema è che la crisi ambientale riguarda tutti gli esseri umani che per trovare una soluzione devono cambiare le loro abitudini e abbandonare quelle provenienti dalla società consumista in cui siamo nati.  

Se ti stai chiedendo come vivere in modo sostenibile  allora continua a leggere questo articolo e quelli che seguiranno, ti accompagneremo in questo percorso per raggiungere il risultato che ti sei prefissato.

Sei pronto? 

Let’s go!

Cucina sostenibile: cos'è e come metterla in pratica

 Attenzione

Cucina sostenibile  non significa automaticamente mangiare vegano,  un’estremizzazione che si fa fin  troppo spesso.

La  Cucina Vegana è un tipo di cucina sostenibile, non per questo è l’unica.

Mangiare sostenibilmente vuol dire comprare prodotti locali, piuttosto che andare al supermarket vicino, vuol dire diminuire il consumo di carne e, sé possibile comprarla dal macellaio di fiducia al massimo una volta al mese. 

Vedi, non è indispensabile diventare vegano, certo aiuterebbe, ma non è necessario. 

Il mio ragazzo  per esempio ha provato a fare una settimana da vegano, senza riuscirci per un motivo fondamentali.

  1. Non era abbastanza organizzato per passare così repentinamente dal mangiare derivati animali e carne al non assumerne per nulla

 In questo articolo ti svelerò come vivere sostenibile a partire da casa tua, nella tua cucina.

Adesso che abbiamo chiarito il significato di cucina sostenibile, possiamo gettare le basi e avventurarci nel mondo vegano con l’unico scopo di arricchire il nostro bagaglio e chissà, provare e sperimentare ricette nuove, sicuramente sostenibili.

Cucina vegana e i suoi ingredienti

Agar agar cos'è?

Una gelatina naturale che viene estratta da alcune alghe rosse. Grazie alla sua agar agarcapacità di espulsione delle tossine dal corpo, è utile per favorire la regolarità intestinale e per combattere il diabete. Contiene calcio, ferro e vitamine A, B, C, E e K. In cucina viene ampiamente utilizzato come addensante, per esempio nella preparazione di marmellate senza l’impiego di zucchero.



Maizena o amido di mais, cos'è?

    Conosciuto anche come maizena, è la farina più economica che esista.

    È utilizzato per addensare le gelatine di frutta e per dare maggiore consistenza agliamido di mais alimenti in scatola o surgelati. Non contiene glutine, quindi è indicato per l'alimentazione dei celiaci. Spesso viene realizzato con mais geneticamente modificato, per diverse ragioni, tra cui la resistenza ai pesticidi. Quindi leggete sempre attentamente l’etichetta per assicurarvi che il prodotto sia privo di OGM.



    Farina sostenibile

    Sappiamo tutti come questo sia un prodotto ricavato dalla macinazione del granofarina tenero. Purtroppo, è stato dimostrato che la farina 00, la più diffusa e consumata in ambito industriale e domestico, è dannosa per la salute, a causa della sua quasi totale assenza di fibre che la rendono difficilmente digeribile dall’organismo umano.

    Sono presenti in commercio molte alternative ad essa, come la farina integrale di frumento, più ricca di fibre, quella di mais, senza glutine, oppure ancora quella di castagne, detta anche “farina dolce”.

    Frutta e verdura 

    Come noi di Warm Burrow abbiamo sempre sostenuto, è meglio utilizzare e frutta e verduraacquistare frutta e verdura locale e biologica, ad impatto zero. Se non avete la possibilità di reperire questo tipo di prodotti, limitate, o eliminate del tutto l’acquisto soprattutto di mele, ciliegie, pere, fragole, pesche, lamponi, peperoni, sedano, uva, nettarine, patate e spinaci, che vengono comunemente chiamati “la sporca dozzina”, a causa dell’alta concentrazione di pesticidi che contengono. 



    Melassa

    Si ottiene dal succo estratto dalla canna da zucchero. Durante il processo, i principimelassa nutritivi del succo vengono concentrati, ottenendo un fluido appiccicoso, la melassa appunto. In commercio esistono principalmente tre tipi di questo prodotto: bianca, scura e nera. È conosciuta per le sue proprietà rimineralizzanti, è fonte di potassio, calcio, magnesio e fosforo. È ricca anche di vitamine e di sali minerali.


    Olio di cocco 

    Questo prodotto si ricava dai frutti dell'omonima pianta, tipica delle coste tropicali.olio di cocco Il seme della noce di cocco, detto copra, è la materia prima per la preparazione dell'olio. Possiede un elevato contenuto di grassi saturi e di calorie, quindi l'uso regolare dell'olio di cocco nell’alimentazione può promuovere l'aumento di peso. In cucina, viene impiegato principalmente come olio per fritture, e per preparare prodotti da forno, burro e margarina vegetali.

    Aggiunge un leggero sapore di cocco, anche se quasi impercettibile, al piatto pronto.

    Proteine vegetali testurizzate (PVT) 

    Chiamate anche Proteine della soia testurizzata, vengono ricavate dalla farina di proteine testurizzatesoia sgrassata, a cui a volte si aggiungono orzo o grano. Sono disponibili in commercio sia in grano che in fiocchi, e il loro sapore è variabile. Vengono spesso prodotte tramite l’impiego di soia geneticamente modificata, quindi, anche in questo caso, prestate molta attenzione all’etichetta. No agli OGM!


    Seitan 

      È un derivato della farina di frumento. Viene detto anche “carne di grano” per il suoseitan elevato contenuto proteico. Ha un aspetto simile alla carne, ma è più morbido e dal sapore più delicato. È in genere facilmente digeribile, ma non si tratta di un alimento completo, in quanto è carente di vitamina B12 e di ferro. Per assimilarne le proteine occorre quindi compensare tale carenza accompagnando il Seitan ad altri alimenti, come per esempio i legumi. È privo di colesterolo e di grassi saturi.


      Tempeh 

      Anche conosciuto come carne di soia, è un prodotto ricavato appunto dalla cotturaTempeh e dalla fermentazione dei semi di soia, ha un sapore molto intenso che ricorda le noci. Contiene un alto apporto di fibre, essenziali per la prevenzione di molte malattie croniche, è altamente digeribile, e questo lo rende un prodotto indicato per i diabetici, ha un basso contenuto di sodio, il che lo rende adatto a chi richiede una dieta con poco sale.



      Cos’è il Formaggio di soia 

        Il suo nome è tofu, è un prodotto ottenuto dalla lavorazione dei semi di soia gialla. tofuViene principalmente utilizzato come sostituto del formaggio poiché la consistenza, la preparazione e l’aspetto sono tra loro molto simili. Non contiene colesterolo, è molto leggero, e con poche calorie. In compenso è ricco di vitamine e sali minerali quali calcio, ferro, fosforo e potassio.

        In cucina si presta alla preparazione sia di piatti salati che dolci, dal momento che assorbe i sapori e gli aromi degli altri ingredienti amalgamandosi con essi.


        Chiara Cozzi

        E tu?

        Conoscevi tutti o solo qualcuno di questi ingredienti? Vorresti averli nella tua dispensa?

        Facci sapere cosa ne pensi nei commenti e informaci se decidi di acquistarli!

        Possiamo inoltre fornirti idee innovative per abbinare questi ingredienti ad altri e per realizzare piatti speciali e gustosi, ma soprattutto ad impatto zero!

        Lascia un commento

        Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati