Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Ecco le 8 conseguenze dei cambiamenti climatici sulla salute

Bentornati sulla nostra rubrica dedicata ai cambiamenti climatici, qui condividiamo con voi le informazioni e i consigli su cui ci siamo documentati nel corso della settimana, al fine di ottenere uno scambio reciproco di idee e conoscenze.

Lo scopo di Warm Burrow è proprio questo: ogni giorno, dopo un lungo processo di selezione delle informazioni che abbiamo raccolto, scegliamo un tema correlato alla sicurezza ambientale per parlarne con voi. Il fine è la sensibilizzazione di più persone possibile riguardo questo tema e, come dicevo prima, un confronto reciproco.

Di come sia dannosa l’attività dell’uomo per ‘ambiente, lo sappiamo già. Vi abbiamo raccontato di quanto stiamo devastando il pianeta: dei fuochi che distruggono interi ecosistemi, dei disastri naturali sempre più frequenti e delle conseguenze sull’ambiente.

(Clicca sugli hyperlink per leggere i nostri articoli, o visita il nostro blog!)

La natura però non sta a guardare, noi la provochiamo e lei si ribella, spazzando via le nostre case e scatenando fenomeni estremi. “Scatenando”, si fa per dire, dato che la causa di tutto questo è l’uomo, non rendendosi conto che l’unico a rimetterci, sarà lui stesso.

In che modo? I disastri naturali sono solo un esempio, i cambiamenti climatici agiscono infatti significativamente anche sulla nostra salute, come? Continua a leggere per scoprire le otto conseguenze sulla salute provocate dai cambiamenti climatici.

L’inquinamento causa problemi polmonari

Questo è un problema tanto prevedibile quanto percepibile. Studiando a Milano e vivendo questa città per gran parte della mia routine, riesco a percepire al massimo questo dramma. Respirando si comprende che la qualità dell’aria nei grossi centri urbani è peggiore rispetto a quella dei piccoli paesi. L’OMS pubblica un rapporto in cui incita le città a ridurre le emissioni, incrementare la resilienza e soprattutto promuovere la salute. Spesso bisogna agire anche senza un input dal governo.Il particolato può aggravare l’asma e provocare ictus

Oltre a compromettere i nostri polmoni, le sostanze inquinanti dei combustibili fossili possono dare vita ad un agente inquinante molto diffuso: il particolato. e soffrite di asma, questo peggiora le vostre condizioni, riduce le funzioni polmonari a aumenta il rischio di contrarre malattie cardiovascolari come l’ictus.

I fenomeni atmosferici avranno conseguenze sempre più gravi

Vi abbiamo già raccontato delle conseguenze dei violenti fenomeni atmosferici dovuti al cambiamento climatico. Stanno crescendo i profughi climatici e aumentano le persone che perdono casa e affetti. Non è finita qui: i fenomeni diventeranno sempre più violenti, e alcuni già si stanno manifestando: Fiona Simpson madre di 23 anni, mentre percorreva la Aguilar Highway è stata sorpresa da una fortissima grandinata, che ha ferito la donna e la piccola figlioletta di 4 mesi. Se la madre non avesse usato il suo corpo come scudo, la bambina sarebbe morta. Clicca qui per vedere le immagini.

Le alte temperature favoriscono la dispersione di infezioni

I maggiori portatori di infezioni, come abbiamo visto diverse volte nella storia, sono le zanzare: esseri apparentemente innocui che però causano milioni di morti. L’innalzamento delle temperature favorisce la diffusione di zanzare tropicali che rende idonee alla loro riproduzione anche zone con temperature normalmente non così alte. Esse possono trasmettere malattie come la chikungunya, la zika o la febbre del Nilo occidentale. 

Insieme alle zanzare, aumentano anche le zecche

Gli esseri umani purtroppo non sono gli unici ad essere a rischio, anche i nostri amici animali soffrono il cambiamento climatico. Lo stesso problema delle zanzare, si presenta anche per le zecche. Esse proliferano senza sosta, mettendo a rischio la salute della fauna locale.

Non solo animali, anche gli uomini a rischio per le zecche

Come le zanzare, anche le zecche possono trasmettere alcune malattie, e con temperature così alte la loro resistenza alla stagione invernale aumenta. Ma non solo gli animali sono a rischio, anche gli essere umani possono essere colpiti da alcune infezioni. Una tra tante? La malattia di Lyme: infezione batterica che comporta spossatezza, mal di testa, dolori, paralisi, deficit cognitivi e artriti. Ha colpito pochi giorni fa anche il cantante Justin Bieber.

I cambiamenti climatici provocano malattie cutanee

Anche questo problema è dovuto all’innalzamento delle temperature, assieme all’aumento dell’umidità. I più colpiti sono ovviamente e come sempre i più vulnerabili: bambini, anziani e donne in gravidanza. Questo comporta l’aumento di probabilità di contrarre malattie croniche come la dermatite atopica e la psoriasi.

La temperatura influisce sui livelli di glucosio

Che esista un legame tra temperature esterne e diabete, ce lo racconta uno studio portato avanti nell’università di Leida (Olanda) e il suo nome è BMJ Open Diabetes Research & Care. Come mai? Ti spiego subito. Nel tessuto adiposo accumuliamo il grasso, che serve a creare l’energia di cui abbiamo bisogno. A temperature basse questo processo è più efficiente, di conseguenza se i gradi si alzano si incorre in diversi problemi, in particolare si riduce la sensibilità all’insulina, e il rischio di diabete aumenta.


Queste erano 8 patologie che i cambiamenti climatici possono scatenare, ne conoscevi alcune? Te ne vengono in mente altre?


Purtroppo questa non è che una parte di questa lunga lista. È arrivato il momento di agire insieme, ti importa davvero? Allora, se non lo fai già, corri a seguirci sui social, per essere aggiornato sulle nostre iniziative per contribuire a salvare il pianeta!

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati