Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Dove butto il tetrapack? Breve guida in 3 semplici passi

Il tetrapack è un materiale largamente utilizzato come contenitore per le bevande come il latte o i succhi di frutta. Il suo nome si deve all’omonima azienda svedese che lo produce.
Il tetrapack è stata una delle invenzioni più innovative del  XXI secolo, infatti, ha ridotto il peso dei contenitori del 30% negli ultimi 30 anni unendo al carattere economico i benefici che ne trae l’ambiente sul risparmio delle risorse.

L’azienda svedese è inoltre impegnata nella tutela ambientale su diversi fronti: dal 2002 il consumo energetico per unità di produzione è diminuito del 35%, si impegna a minimizzare le emissioni di anidride carbonica e inoltre cerca di ottimizzare sempre più la produzione dell’omonimo materiale in termini di energia utilizzata e di materiale di scarto.

Ma ora veniamo al dunque e cerchiamo di capire dove buttare il brick del succo una volta finito.

Raccolta differenziata del tetrapack 

Il tetrapack è un materiale costituito da carta alluminio e plastica, tutto interamente riciclabile, questi infatti vengono poi separati e utilizzati per la realizzazione di altri prodotti.

A causa dei molteplici materiali utilizzati per la sua produzione spesso non si sa dove buttarlo e quasi sempre lo si butta in un bidone alla cieca.

Di seguito ti forniamo tutte le indicazioni utili per procedere correttamente nello smaltimento di questo rifiuto.


  1. Sappi che le regole di smaltimento variano da comune a comune, quindi, una volta terminata la lettura di questo articolo è comunque bene informarsi per non sbagliare mai più. Se non sai dove te lo diciamo noi! Basta guardare sul sito TiRiciclo, inserire il proprio comune di residenza e in un click capirete se metterlo nella carta oppure nella plastica o nell’alluminio. 
  2. Per non compromettere la raccolta differenziata ed evitare quindi inutili sprechi è necessario sciacquare adeguatamente il contenitore, in modo da eliminare tutti i residui e renderli meno ingombranti
  3. Nel caso in cui il vostro comune smaltisca il contenitore nella carta è obbligatorio togliere il tappo e le altre parti in plastica dura, così sciacquarlo non sarà stato vano.

Ti importa davvero?

Se sei arrivato fino alla fine di questo articolo probabilmente sì, è giusto preoccuparsi di fare un’ottima raccolta differenziata dal momento che, come ben saprai, siamo ormai sommersi dai rifiuti. Pensa che alcuni esperti prevedono che nel 2050 ci saranno più rifiuti di plastica in mare che pesci.

Ora dimmi, hai per caso voglia di andare in vacanza e farti il bagno nelle buste di plastica? immagino di no.

Quindi, se ti importa davvero e vuoi fare la differenza, condividi questo articolo e informa i tuoi amici, a lungo andare te ne saranno grati.


Potrebbe interessarti anche:

Junker: l’app che ci aiuta nella raccolta differenziata










Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati