Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Cosa buttare nella raccolta dell’umido?

La raccolta differenziata dell’umido si distingue dalle categorie affrontate precedentemente, tra cui quella di plastica, vetro e carta, proprio perché dedicata solo ed esclusivamente a rifiuti di origine vegetale o animale, e dunque organica. Tra i vari tipi di raccolta questa rappresenta senz’altro la più “impegnativa” in quanto a odori e accorgimenti, oltre a essere la più consistente (circa il 30/35% dei rifiuti totali) e importante. Qualche settimana fa vi abbiamo parlato del grande paradosso dei nostri tempi, ovvero lo spreco alimentare, e in questa occasione vi avevamo riferito cifre scioccanti che riguardano le tonnellate di cibo buttate ogni anno in Europa e nel mondo. 


Ecco, ora provate a immaginarvi un mondo senza raccolta differenziata e chiedetevi che ne sarebbe di queste ingenti quantità di scarti se venissero mescolate ai rifiuti inorganici, cosa vedete? 


Proprio per questo motivo vi invitiamo a leggere attentamente e seguire le nostre dritte: è importantissimo che ognuno di noi rispetti le regole del riciclo per farlo funzionare al meglio delle nostre possibilità.


Una fonte di energia, calore e compost

compost

Affinché i rifiuti dell’umido-organico si possano trasformare e avviare a un nuovo ciclo vitale, che si tratti di compostaggio (nel caso dei fertilizzanti), di energia elettrica, termica o di biometano (grazie alla rilevazione di biogas in essi contenuti), è necessario che i cittadini si impegnino a una raccolta di qualità

Se non sapete bene da che parte girarvi, state tranquilli, ci siamo noi di Warm Burrow! 


Cosa buttare nell’organico e cosa no

Veniamo ora al nocciolo della questione e vediamo insieme quali sono i rifiuti che vanno nella raccolta differenziata dell’umido e quali assolutamente no. Tutti pronti? 


Innanzitutto è importante fare una distinzione nell’ambito stesso dei rifiuti organici, che possono essere:

1) di provenienza domestica e quindi da conferire alla raccolta dell’umido. Tra questi, le principali categorie sono:


  • Scarti e avanzi di cibo (verdura, carne, pesce, pasta, pane, legumi, gusci, bucce, semi, ossicine, filtri di tè e tisane, fondi di caffè);
  • Tovaglioli sporchi di cibo;
  • Piccole quantità di fiori secchi e recisi;
  • Stecche di legno del gelato;
  • Tappi di sughero.
2) Derivati dalla potatura e pulizia dei giardini domestici, da gettare in un bidone a parte dedicato esclusivamente al compostaggio vegetale di ramaglie e sfalci, i cui metodi di raccolta variano a seconda del Comune di appartenenza. Vediamo di che si tratta:

  • Erba;
  • Foglie e ramaglie;
  • Radici;
  • Terriccio.


Prestate attenzione a questi rifiuti, non sempre riciclabili o compostabili:


  • Le lettiere di piccoli animali devono essere naturali, controllate dunque sulla confezione prima di buttarle via;
  • Le feci dei nostri animali domestici vanno nell’indifferenziata, in quanto non compostabili;
  • Valve di cozze e vongole non sempre vanno nell’umido dato che dipende dal tipo di impianto di compostaggio. Per essere sicuri, controllate il regolamento del vostro Comune.

Cosa, invece, non va assolutamente gettato nella raccolta organica? Oltre a tutto ciò che è inorganico, ovviamente, è assolutamente vietato conferirvi qualsiasi tipo di olio alimentare (esausto, da frittura, per cuocere, di alimenti sott’olio, ecc.). 

Questo, infatti, va raccolto a parte e poi gettato presso l’Ecocentro comunale in quanto Rifiuto Urbano Pericoloso (RUP), estremamente dannoso per noi e il Pianeta. Mi raccomando, non fate l’errore di versarlo nel lavandino, o finirete per compromettere le nostre acque!



Sembra complicato, ma non lo è

Nel caso in cui vi foste persi, rimanete sintonizzati perché, come sempre, ci penseremo noi a rendere tutto ancor più facile!


Alla prossima settimana, qui a “Dove lo butto?”.



Se ti interessa l’argomento leggi anche:

“La raccolta differenziata dell’umido: che sacchetto usare?”

“Come leggere i simboli della raccolta differenziata?”



di Alice Nardiotti


Fonti:

https://www.a2a.eu/it/viaggio-organico-raccolta-differenziata

https://pianetadelleidee.altervista.org/2017/10/dove-buttare-olio-esausto-da-cucina.html 

https://tg24.sky.it/ambiente/2019/02/28/raccolta-umido-come-farla-bene.html



Immagini:

www.google.it 

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati