Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Come funziona il riciclaggio in Belgio?

In Belgio il motto “uno per tutti, tutti per uno” è diventato uno stile di vita e la

raccolta differenziata, un’abitudine. 

Regole ben precise, scandite nel dettaglio, con un obiettivo chiaro e comune: conservare le materie prime e salvaguardare l’ambiente.

Racchiuso tra Paesi Bassi, Germania e Francia, il piccolo stato europeo affacciato sul Mare del Nord raggiunge ottime percentuali che lo posizionano appena sotto la Svizzera e l’Italia. Con un tasso di riciclo pari al 49.4%, il Belgio si impegna a fare sempre di più, incentivando i consumatori a mettere in pratica questa buona abitudine anche fuori dagli spazi domestici. Chi se ne incarica è l’organizzazione Fost Plus, ente responsabile della raccolta e del riciclo dei rifiuti domestici sul territorio, orientato verso una realtà più sostenibile e consapevole.

raccolta differenziata belgio

“Per il futuro, continuiamo a fare bene la raccolta differenziata” 

Regione che vai, sistema che trovi

Ogni regione e comune è libero di adottare un sistema di raccolta diverso, le cui regole possono essere consultate facilmente scaricando l’App The Recycle!. In generale, però, in tutto il territorio si possono trovare bidoni gialli, rossi, bianchi e blu, oltre a dei “container park” dove poter buttare rifiuti chimici non riciclabili ed estremamente dannosi per l’ambiente se dispersi o mischiati con altre tipologie di rifiuti. 

Le strade di Bruxelles, la capitale, sono tinteggiate da sacchi e cestini multicolor, dall’arancione al rosa, oltre che da diverse “aree verdi mobili”, un’alternativa ideale e itinerante per la città dove poter riporre i propri rifiuti tossici e pericolosi. 

Il modello tedesco

raccolta differenziata belgio

Da buoni vicini di casa, i belgi non si lasciano scappare le occasioni di emulare un modello che, come abbiamo visto, scala la vetta delle classifiche mondiali. Ma come?

Se vi ricordate, proprio parlando di Germania, eravamo tornati a parlare in modo più approfondito di uno dei simboli fondamentali della raccolta differenziata: il Green Dot. Lo “yin e yang” dell’economia green torna a contrassegnare gli imballaggi, questa volta indicando che il prodotto è stato realizzato da un membro di Fost Plus che si impegna pecuniariamente nella lotta allo spreco per la salvaguardia dell’ecosistema. Ricordiamo che questo “Punto Verde” non dà alcuna indicazione sulla natura del prodotto, nè sulla sua riciclabilità, ma che rappresenta l’impegno in questa grande battaglia messa in atto in Europa da parte delle aziende, dirette responsabili della produzione massiccia degli imballaggi. 

Come in Germania, anche in Belgio la lotta allo spreco viene incentivata con alte tasse da pagare, che aumentano o diminuiscono in relazione al tipo di smaltimento di cui necessitano i rifiuti: più sono difficili da processare, più i conti saranno “salati”. 

Raccolta differenziata: non solo tra le mura di casa

Come vi abbiamo accennato all’inizio, Fost Plus si impegna a sensibilizzare i consumatori a rendere la raccolta differenziata un’abitudine vera e propria, che prescinda dal contesto. Per questo ha promosso campagne pubblicitarie e progetti volti a coinvolgere scuole, uffici, luoghi pubblici e, naturalmente, le città stesse

Tra questi, spicca l’impegno dimostrato nei confronti dell’ambiente lavorativo, dove molte persone trascorrono (eccetto in caso di smart working, come in questo periodo) le gran parte delle proprie giornate. Un progetto vero e proprio volto a fornire kit, guide e supporto per trasformare la raccolta differenziata, oltre che in un beneficio per l’azienda, in un piacere per dipendenti e collaboratori. 

Quanti di voi, leggendo questo articolo, hanno pensato al proprio ufficio, scuola o palestra e al loro scarso sistema di differenziazione? 

Avete mai intrapreso iniziative per migliorarlo?

Condividetele con noi e combattiamo insieme per rendere il riciclaggio un meccanismo sempre più efficiente e accurato. Facciamolo per la nostra Terra, facciamolo per noi!


di Alice Nardiotti

Fonti e immagini:

https://cansforlife.eu/recycling-around-world-belgium/

https://www.fostplus.be/en

https://www.google.com/?&hl=it

https://shop.fostplus.be/en/

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati