Iscriviti alla newsletter e ottieni il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

5 percorsi di studio che promuovono la sostenibilità

Prima di iniziare questo articolo ti invito a compilare il nostro sondaggio: Quanta fiducia hai nell’uomo quando si parla di lotta alla crisi climatica?


La sostenibilità è un must quando si parla di progresso. Legata allo sviluppo sostenibile, se prima rappresentava un valore aggiunto da trattare in una qualsiasi attività commerciale, adesso deve essere il punto di partenza. Dal punto di vista globale non ci sono ancora state svolte di grande calibro, è quindi compito delle istituzioni (sia statali che private) darsi da fare al fine di cambiare il futuro partendo dal presente.


Abbiamo visto come i giovani siano tra i più attivi nella lotta alla crisi climatica, sul nostro blog abbiamo un’intera sezione agli scioperi per il clima, dove vi raccontiamo cosa abbiamo visto agli ultimi fridays for future e riportiamo alcune opinioni dei ragazzi presenti.


Che i giovani sono motivati ne abbiamo ormai avuta conferma, è su di loro che bisogna lavorare per rendere le loro idee e buoni propositi armi concrete per combattere un futuro non sostenibile. Tante università pensano lo stesso, ed è per questo che nascono sempre più corsi di laurea improntati sul rispetto dell’ambiente, in questo articolo ti parlerò di cinque di questi, scopriamoli subito! 

Vuoi Insegnare educazione ambientale? UniBG fa al caso tuo!

All’università degli studi di Bergamo lo scorso anno accademico è nato un nuovo corso: educazione ambientale e sostenibilità. Come vi abbiamo parlato precedentemente in uno dei nostri articoli l’educazione ambientale diventerà una materia del sistema didattico italiano, è quindi fondamentale formare figure che sappiano che argomenti toccare e come trattarli. Tutti gli studenti che frequentano la facoltà di scienze della formazione a Bergamo potranno frequentare questo corso.

Studia Architettura per il progetto sostenibile al Politecnico di Torino

Questo corso di laurea magistrale è pensato per formare architetti capaci di affrontare le sfide legate ai cambiamenti climatici, all'equità sociale e al benessere ambientale degli individui. Insegna ad operare su scala urbana, architettonica e tecnologica, approfondendo le diverse dimensioni che il concetto di sostenibilità evoca. Il corso propone anche iniziative come la progettazione di edifici e nuovi spazi urbani, oppure intervenire su quelli esistenti.

Diventare architetti ecologici all’università di Tor Vergata

L’università di Roma Tor Vergata crea un master improntato all’insegnamento di pratiche che proteggano l’uomo e l’ambiente dagli effetti devastanti delle nostre attività sulla Terra. Tutto ciò comprende la formazione in ingegneria civile, design, ingegneria ambientale, dell’energia e molto altro, tutto ciò naturalmente in un’ottica sostenibile.

“UniPadova sostenibile”

UniPadova sostenibile è il progetto creato dall’università di Padova che vuole coordinare tutte le attività a tema sostenibilità che propone l’ateneo e dare loro visibilità, questo coinvolge la comunità universitaria, gli studenti e il personale, arrivando fino al confronto con gli organi di governo. Il progetto è in linea con i principi dell’ateneo che, come recita il suo slogan: “promuove l’elaborazione di una cultura fondata su valori universali quali i diritti umani, la pace, la salvaguardia dell’ambiente e la solidarietà internazionale”.

Politecnico di Milano promuove pratiche sostenibili

Il Politecnico di Milano persegue gli obiettivi di sviluppo sostenibile, come? attività istituzionali, ricerca e insegnamento. Il progetto di Sostenibilità Energetica e Ambientale promuove politiche per la razionalizzazione nell’uso dell’energia nel contesto universitario, per la riduzione delle emissioni e per il miglioramento della qualità ambientale dei loro spazi. Questi obiettivi vengono raggiunti grazie alla gestione ottimizzata delle risorse e il rinnovamento degli stili di vita. le sfide urgenti riguardano la sensibilizzazione della nostra comunità, il contenimento delle emissioni di CO2 e l’efficienza energetica, l’incentivazione della mobilità sostenibile e dell’economia circolare.

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati